Con la crisi del Regno di Napoli il territorio della Basilicata viene frazionato in piccoli stati nelle mani di feudatari che edificano castelli e ne riadattano di preesistenti: imponenti quelli di Melfi, Miglionico, Valsinni, Episcopia. Oggi torri superstiti si possono vedere a San Mauro Forte e a Picerno, ma molto belli sono anche i castelli di Moliterno, Brienza, Cancellara e Lavello. Alcuni sono diroccati, altri sono ridotti a semplici ruderi, eppure costituiscono, insieme a interi centri abbandonati come Craco, ambienti ruderali che segnano il paesaggio conferendogli un'atmosfera ricca di memoria. Di epoca aragonese sono i castelli di Venosa, Matera e Bernalda.

Copyright © 2018 Visitit.it - Via Galliano, 36, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft