Dalle terre di questa regione ebbe origine una storia che plasmò la cultura occidentale. Il territorio del Lazio è disseminato di antichissime testimonianze, monumenti ed opere d’arte d’inestimabile valore. La città di Roma rappresenta il più grande museo a cielo aperto della civiltà occidentale.


Il Lazio fu originariamente popolato da Ausoni, Volsci, Equi, Sabini, Falisci ed Etruschi. I Latini, popolazione indoeuropea proveniente dall'Asia minore, giunsero nel Lazio intorno al II millennio a.C. ed erano originariamente minoritari nel Lazio stesso. Con la battaglia di Ariccia i Latini spodestarono gli Etruschi dal controllo di Roma ed iniziarono una campagna di assoggettamento delle altre genti italiche sparse nel Lazio e nell'Italia centrale.


L'egemonia dei Latini tramite la potenza di Roma si manifestò anche attraverso l'assoggettamento di altre città Latine, come ci ricorda la storia degli Orazi contro i Curiazi e la presa di Albalonga. In seguito Roma optò per una politica di inclusione delle altre genti ed entità politiche che andava conquistando: con la Lex Juliavenne estesa alle città conquistate la piena cittadinanza. La storia del Lazio (Latium-Campania nella riforma augustea) coinciderà con i fasti della storia di Roma fino alla crisi e alla caduta dell'Impero (476).


Fra tumulti ed invasioni barbariche, alleanze oblique e l'influenza di Costantinopoli, crebbe sempre di più il potere temporale della Chiesa; grazie alla donazioni di Sutri ed ai rapporti fra papato e Longobardi si costituì progressivamente lo Stato Pontificio nel Lazio storico intorno all'VIII secolo: la base sociale era rappresentata dalle antiche famiglie patrizie romane, Longobardi e Bizantini, ormai romanizzati. Ulteriore sviluppo venne con le donazioni di Carlo Magno, incoronato imperatore da Leone III, iniziando la tradizione dell'incoronazione papale dell'Imperatore del Sacro Romano Impero.


Roma sarà una grande capitale del Rinascimento e del barocco, svolgendo ancora una volta un importante ruolo politico nell'ambito della controriforma; va detto che lo Stato Pontificio era assolutamente centrato sulla città eterna, e questo fa del Lazio, a tutt'oggi, una regione fortemente monocefala, con Roma impareggiata da qualsiasi altra città. Il governo dei papi prosegue nei secoli con l'unica eccezione della prima repubblica romana (1798), di ispirazione napoleonica, e quella di Saffi-Armellini e Mazzini, in seguito ai tumulti nel 1848/1849.

Scopri cosa visitare nel Lazio

Copyright © 2018 Visitit.it - Via Galliano, 36, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft